Il Duomo di Napoli nel corso dei secoli

Napoli è una città antica, ricca di storia, cultura e arte. I monumenti, i musei e le Chiese sono tante e molto altro c’è da vedere e da visitare. Non dimentichiamo i castelli. Lo stile degli edifici religiosi è, solitamente, gotico o barocco. Si tratta di strutture che sono sparse un po’ in tutta la città e che sono visitate da moltissimi turisti e da chiunque voglia, per qualsiasi motivo o interesse, farci un salto. A Natale si arricchiscono di sepolcri e presepi, più o meno grandi anche a seconda della chiesa. Ovviamente ogni Chiesa ha la sua storia, la sua ampiezza e la sua importanza, ce n’è una che a Napoli svetta su tutte, stiamo parlando di quella del Duomo di Napoli.

 

STORIA DEL DUOMO DI NAPOLI

Situato in via Duomo è dedicato alla Maria Assunta successivamente, divenne anche il luogo dove si onora San Gennaro: il santo patrono di Napoli. Fu fatto costruire dal re Carlo II D’Angiò nel XIII secolo. I lavori furono affidati ad artisti di origine francese ma poi furono affidati a locali e, più in generale, a italiani. Fu terminato sotto il regno di Roberto D’Angiò nel 1313. Durante la sua costruzione ci furono due grossi terremoti, prima nel 300 e poi nel 500, che danneggiarono  molte parti della cattedrale. A seguito di questi eventi furono costruite la cappella del succorpo e la reale cappella del tesoro di San Gennaro, di stampo rinascimentale e barocco. Sono i luoghi più visitati. Nell’800 venne ricostruita la facciata e, in seguito ai danni della seconda guerra mondiale, la cattedrale venne ristrutturata.

 

LA CAPPELLA DEL TESORO DI SAN GENNARO

Essa è il luogo dove si trova il sangue del Santo che si scioglie il 19 settembre di ogni anno, se il miracolo si avvera. Fu costruita nel 1527 per ringraziare il santo di aver salvato la città di Napoli dal colera, dalla guerra franco-spagnola e dall’eruzione del Vesuvio. Ci possiamo trovare, inoltre, marmi, affreschi e dipinti.  Il tesoro di San Gennaro è il frutto di doni di nobili e imperatori.

 

About the Author

on Mar 04, 2019

Nessun commento

Lascia un commento